E' necessario girare
lo smartphone  in orizzontale
Title
Vai ai contenuti

Le Opere

Indicazioni


Chi volesse avere un'idea immediata, almeno del Galloppi affreschista, può vedere diverse sue opere, fra le più rappresentative e nell'istesso tempo ben conservate. Si trovano a Napoli, nella Chiesa di S. Nicola da Tolentino (Conosciuta anche come il Santuario della Madonna di Lourdes),  in S. Maria dell'Avvocata, a S. Giovanni in Corte in S. Maria del Soccorso, nella Chiesa di S. Gennariello al Vomero (nota anche come Piccola Pompei).

Notevoli sue opere, fuori Napoli, stanno in S. Ciro a Portici, ove i due grandi affreschi del Presbiterio sono intatti; a Castellammare di Stabia, nella Chiesa del Clero di Gesù e Maria; a Scanzano, sia nel Tempio del Cuore di Gesù e di Maria SS. Addolorata che nella Parrocchia del SS. Salvatore; nella Chiesa e Monastero dei Padri Paolotti in Taranto; in Grecia, a Corfù, nell'Achilleion.

Altri lavori dentro e fuori Napoli, sono in parte restaurati o per varie cause distrutti.
Spiccano, tra le opere distrutte, gli affreschi nella biblioteca del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli.


Opere rubate : Gesù tra i fanciulli
1927 e la Guarigione dello storpio due oli su tela 120x260, sono stati rubati nella Chiesa del Gesù di NOLA il 15 maggio 1991. (rif. Furti d'Arte de Rosa editore 1995 pag.44)

(foto a lato: Vincenzo Galloppi nel 1930).




Chi volesse arricchire questo sito web con notizie o foto documentate può scrivere a
se non vedi la pagina gira lo smartphone
Torna ai contenuti